Forum di Cucito e Modellistica!

riflessioni sul nostro mercato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

riflessioni sul nostro mercato

Messaggio Da Atelier Maria Teresa il Gio Mar 30, 2017 5:13 pm

Buon pomeriggio a tutte/i,
sono assente da un pò e sembra mi piace molto scrivere nella sezione clienti ma mi piace condividere con voi queste riflessioni...
sono assente perchè come tutte penso che fanno questo mestiere si devono tirare delle linee ad un certo punto e siccome l'ho fatto mi piacerebbe che le mie parole possano essere di conforto per alcuni, di stimolo per atri, di riflessione ... e comunque di aiuto per voi e confronto per me ..

allora inizio la mia attività professionale ( il cucito inizia ben prima direi occhio e croce da bambina ma seriamente dal 2006) due anni fa, quando lascio il mio lavoro carica di progetti ed entusiasmo per la realizzazione del mio sogno, niente negozi sarebbero stati troppo costosi e non mi avrebbero permesso ne di fare reception e cucire allo stesso tempo e nè di gestire un bimbo piccolo, quindi apro il mio atelier presso la mia casa dedicando una parte di essa, per fortuna l'ampiezza della casa me lo permette, inizio il tutto presentando la mia linea dalla particolare filosofia di abiti trasformabili, parte molto bene ma ricevo tante richieste su misura e io ho paura di dire no per cui l'attività si sposta su questo settore a discapito della linea pronto, i primi lavori li faccio pensando che devo fare prezzi buoni per fare la cosidetta gavetta e mettermi sul mercato e qui il primo errore ... cerco di accontentare le clienti in tutte le loro richieste, secondo errore, dal modello alle modifiche ad appuntamenti per le prove ad orari sembra particolari ....intanto il su misura mi porta alla costatazione che le richieste vengono fatte sopratutto per le cerimonie quindi equivale a dire da maggio ad ottobre, il fatturato per questi mesi è discreto ma su 12 mesi no e si mangia tutto l'anno poi considerando che avevo partita iva il mio discreto fatturato paga i contributi pensionistici .. penso quindi a lavorare con le spose, pensando che c'è la possibilità di lavorare tutto l'anno prendendo anche pacchetti sposa-damigelle-mamme e testimoni ..sulla carta fila il ragionamento ma alla fine non concorri con gli atelier (che poi li acquistano dalla Cina ma questo è un'altro argomento)....
arrivo che di passione rimane poco e rimane l'insofferenza di non sopportare più le clienti che ti fanno perdere ore e ore prima di confermare un preventivo e sono ore che non avevi conteggiato, chiedono sempre e comunque lo sconto e infinite modifiche che ti fanno sforare dal preventivo e tu che fai dopo? lo aumenti? .....per gli abiti da cerimonia ormai ho appurato che le clienti vogliono spendere dai 150 ai 200 euro (ma più 150) comprensivi di tessuto ....e io a mio favore o sfavore dipende dai punti di vista, sono una che ancora lavora con tante cuciture a mano, attacco le fodere con sottopunto a mano ..giusto negli ultimi anni ho smesso le marche... che devo dire ho imparato dalla mamma sarta che lavorare nelle sartorie di un tempo, che toglie i difetti in prova e fa tante prove ..come faccio a stare dentro queste cifre?
ecco che poi arrivano le sarte di confezione ... ascoltate bene .. non critico nessuno, dico però che confezionare un capo con la tecnica di confezione è diverso che confezionarlo con le tecniche di una sartoria su misura, e non potrebbe essere altrimenti se no i capi commerciali costerebbero un botto se ci fossero tanti passaggi a mano ... ecco dicevo arrivano loro che ti ammazzano il mercato ..vi riporto l'ultima esperienza, mi viene richiesto un preventivo per la confezione di 4 completi giacca (blazer) e pantalone per delle modelle per una fiera, io faccio il mio preventivo di 360 euro cadauno ( la stoffa scelta sarà circa 45 euro) e arriva la sarta con regolare partita iva e negozio, passata esperienza da confezione, che li realizza per 160 euro ... ora io dico, d'accordo ognuno fa il proprio preventivo e non discuto, è chiaro che anche io quando dedico cosa acquistare valuto diversi prezzi ... e forse andrei dove si spende meno ... ma questa politica di prezzo a mio parere non fa altro che ammazzare un mercato, chi prende il lavoro si trova a lavorare a prezzi bassi e quindi aumentare il lavoro che diventa a cottimo mentre i costi aziendali e di imposte non diminuiscono semmai aumentano, quindi diventa controproducente anche a chi acquisisce i clienti con questa strategia al prezzo, svaluta il lavoro artigianale, chi sopravvive e chi lavora a queste condizioni deve ingegnarsi per limitare le ore di lavoro, perdendo per strada quelle tecniche quei particolari che hanno sempre differenziato il lavoro artigianale dei bravi sarti .....
ecco dopo tutto questo sfogo io ho deciso di dire i NO che non avevo detto prima decidendo di ritornare alla vendita della mia linea moda, volevo accontentare tutti ma non lo si può fare, pensavo che la mia linea dovesse vestire tutte le taglie e le donne ...non può essere cosi quindi
ci saranno i miei abiti che avranno la loro personalità particolare e ben definita che si rivolgeranno al mio target di clienti ( qui ritornano in mente le lezioni di marketing) pezzi unici che verranno proposti e non modificati perchè non sono su misura e i capi su misura (che comunque continuo ad amare ) li realizzerò per me ....la partita iva è stata chiusa ma sono comunque contenta di aver fatto tutto per bene, ora ho un lavoro part time e svolgerò il mio secondo lavoro come opere di ingegno occasionale e sapete .. ho ritrovato la passione che stavo perdendo.

questo pensiero vuole essere uno sfogo, un racconto a voi amiche virtuali che siete sempre state fantastiche e di grande aiuto, morale e tecnico, ma anche un punto di riflessione a quando vi capita di chiedervi se aprire partita iva, a quando vi chiedete quanto dovete chiedere ...

un abbraccio
Maria Teresa
avatar
Atelier Maria Teresa
mani di fata
mani di fata

Messaggi : 301
Data d'iscrizione : 15.03.15
Età : 36
Località : Formigine (mo)

http://www.ateliermariateresa.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: riflessioni sul nostro mercato

Messaggio Da Angela.morgan il Gio Mar 30, 2017 10:45 pm

Ciao Maria Teresa! Una grande riflessione la tua, un grande sfogo e per alcuni aspetti una grande verità. Il nostro paese purtroppo non aiuta in niente chi vuole iniziare e tantomeno i "piccoli". I colossi assorbono tutti... Però io penso sempre che nel mondo siamo così tanti che una fettina per ognuno di noi da qualche parte c'è ! Forse dobbiamo solo cercare la strada che ci appartiene, quella che appartiene alla nostra anima e non agli altri e alle loro richieste. E penso anche che se c'è qualcuno che riesce, la possibilità c'è anche per gli altri. Per tutti gli altri che hanno davvero capacità e caparbietà. Quindi sento di dirti di seminare e seminare ancora, cambiando strada se servirà.....cambiandola anche tante volte....ma comunque seminare. Poi se qualcosa si raccoglie, tanto meglio....altrimenti....avremo passato mesi a fare semplicemente quello che amiamo....e ti pare poco?????? Laughing Non mollare, continua a fare i tuoi lavori occasionali e non sarà mai tempo perso! Un abbraccio
avatar
Angela.morgan
mani di fata
mani di fata

Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 25.07.15
Età : 38

Tornare in alto Andare in basso

Re: riflessioni sul nostro mercato

Messaggio Da lucimode il Ven Mar 31, 2017 12:45 pm

Credo che tu abbia preso la decisione giusta. Per il su misura è sempre più difficile affrontare la concorrenza delle grandi aziende, anche se la qualità è profondamente diversa (dove c' è la qualità alta ci sono prezzi alti anche nel pronto). Onestamente penso che tu abbia fatto miracoli per mantenere i prezzi che praticavi (ma come facevi a rientrare nei 150 - 200 euro compreso il tessuto? dalle mie parti non trovi niente di decente a meno di 30 E. al metro e se vuoi qualcosa di particolare superi i 50!) Producendo la tua linea in serie riuscirai sicuramente a rientrare nei costi ed in più produrrai solo quello che piace a te. Proponiti bene sul mercato, fatti conoscere e piano piano avrai il successo che meriti.
Posso darti un consiglio? Proponi anche linee taglie forti , che sono le più difficili da trovare in bei modelli. Te lo dico per esperienza diretta: io ho ripreso l' ago in mano e affinato di molto le mie capacità per cucirmeli da quando sono aumentata di peso e sul mercato ho trovato solo cose che non mi soddisfavano oppure avevano prezzi improponibili
avatar
lucimode
mani di fata
mani di fata

Messaggi : 162
Data d'iscrizione : 23.03.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: riflessioni sul nostro mercato

Messaggio Da Atelier Maria Teresa il Dom Apr 02, 2017 2:19 pm

Grazie per le vostre parole, siete davvero fantastiche, Irina deve essere orgogliosa del suo lavoro perchè in questo forum oltre ad aver trovato tanti aiuti tecnici ho trovato sempre delle bellissime persone!!

Io abito a Modena, sono vicino a Carpi dove ci sono tantissimi produttori di tessuti e di conseguenza ci sono tanti stockisti dove trovare tessuti a buon prezzo, questo vedi è un'altro degli aspetti che mi mette tristezza, dal modo di lavorare di mia madre ho imparato che è meglio un capo in meno ma di qualità, un capo fatto a mano deve durare negli anni, invece spesso alle clienti non importa, scelgono tessuti da prezzo, io in questi anno ho cercato di avere sia un campionario disponibile di prodotti di alta qualità (Antonietta Tessuti di Torino) che tessuti più moda e con prezzi convenienti ( Allutex Carpi) e se ancora non fossero soddisfatte ho un negozio vicino forte negli stock (GS scampoli) alla fine ti dirò che i tessuti di sete e materiali pregiati che partivano dai 40 euro al metro non ne ho venduto neanche uno tutti si orientavano su tessuti che costassero in media dai 6 ai 12 euro con questi prezzi sulle cerimonie si riusciva a stare in un range tra 50 e 80 euro (80 per le doppie altezze quando avevo le taglie forti) il mio guadagna era circa dai 100 ai 150 euro da tassare.

Tutti gli aspetti della sartoria, dal modello originale e unico, dal tessuto ricercato e particolare, le finiture accurate, per dirvene una uso tantissimo sbieco in raso per rifinire i margini e lo cucio tutto a mano come per le fodere delle giacche e abiti, tutte cucite con sottopunto a mano.. per come ho imparato io sono tutti i particolari che fanno la differenza ma ho capito che alla cliente non importa, quello che guarda è il prezzo finale, e purtroppo con queste lavorazioni non puoi starci dentro lavorando a questi prezzi.

Penso che sicuramente dipenda anche dal tipo di clienti che si hanno, se si riesce ad entrare in un buon giro di clientela che ha occasioni d'uso si possono ancora avere buoni guadagni e poter lavorare come si deve, vi faccio un esempio...
c'è un video di Dior su you tube dove mostrano la lavorazione di un capo meraviglioso di haute couture, una giacca e una gonna rossa, l'ho guardato mille volte e lo adoro... ebbene... io eseguo lo stesso tipo di lavorazione, non voglio peccare di superbia, magari fossi brava come loro ...le piccole mani come le chiamano in gergo di moda, sono sempre incantata a guardarle, però le fasi e le tecniche sono identiche, come posso saltarci fuori facendo pagare queste cifre? ma il pensiero della cliente in generale è sempre orientato al prezzo...

sono davvero triste pensando agli artigiani che avrebbe un valore immenso in competenze, in diversi campi, dalla moda, alle calzature, al falegname ....a tutti i mestieri artigianali che stanno scomparendo a favore della diminuzione costi ...che poi non so se tanta diminuzione sia per il cliente, anche a me capita di acquistare il capo pronto a basso costo, perchè è carino perchè mi piace il modello ...ma mi dura ben poco, sopratutto se lavi spesso come me... è il pensiero di consumismo che davvero è triste, ho capi fatti dalla mia mamma che hanno davvero degli anni, alcuni cappotti anche 40 anni ma sono ancora belli e alla moda, e li utilizzo ancora, i primi cappotti che mi ha fatto hanno 20 anni e sono come nuovi, non si dice lo stesso dei capi pronti ...

spero che si possa riscoprire i tanti talenti dell'artigianato..
avatar
Atelier Maria Teresa
mani di fata
mani di fata

Messaggi : 301
Data d'iscrizione : 15.03.15
Età : 36
Località : Formigine (mo)

http://www.ateliermariateresa.blogspot.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: riflessioni sul nostro mercato

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum